Intestazione_web_hd

Conferenza stampa, resoconto attività 2015 del Corpo civici pompieri Lugano13 Gennaio 2016 16:11

Il Comando del Corpo civici pompieri di Lugano ha il piacere di invitarvi alla tradizionale conferenza stampa di inizio anno che si terrà il giorno:

Mercoledì 3 febbraio 2016 alle ore 10:30 presso la caserma dei pompieri di Lugano, in via Trevano 127 a Lugano (sala di teoria generale).

Questa conferenza stampa è l’unica occasione ufficiale, durante l’anno, in cui i pompieri presentano la retrospettiva del 2015 e gli importanti progetti previsti nel 2016.

Ai partecipanti verrà distribuita una cartella contenente una documentazione riassuntiva.

Sarà possibile raccogliere documentazione fotografica e video, così come registrare interviste.

Al termine della conferenza sarà offerto un piccolo rinfresco.

Alcuni posteggi verranno riservati all’interno del piazzale della caserma.

Per qualsiasi domanda potete contattare l’addetto stampa di turno: ten QM Fabrizio Campana (079 962 90 38).

Vi ringraziamo dell’attenzione.

Distinti saluti.
Comando Corpo civici pompieri Lugano

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO <POLIZIA CITTÀ DI LUGANO - POMPIERI LUGANO>11 Gennaio 2016 10:34

Ieri sera pochi minuti prima della 23:00 alla CECAL118 (Centrale Cantonale d’Allarme 118) sono giunte diverse telefonate che segnalavano un’importante smottamento a Lugano fra Via Tesserete e Via Torricelli all’altezza della Casa anziani Ca Rezzonico.
Le prime segnalazioni indicavano potenzialmente delle persone coinvolte.

Subito sono stati attivati tutti i servizi di emergenza (pompieri, ambulanza, polizia cantonale e polizia della città di Lugano).

Sul luogo la situazione era la seguente:
- importante smottamento nel luogo indicato;
- via Tesserete danneggiata;
- via Torricelli invasa dai detriti.

In una prima fase gli sforzi si sono concentrati sulle seguenti missioni:
- bloccare e mettere in sicurezza gli accessi stradali e pedonali;
- identificare eventuali persone coinvolte;
- mettere in sicurezza la zona coinvolta dallo smottamento.

Tutti gli accessi stradali sono stati sbarrati e il traffico è stato deviato su vie alternative.

I pompieri di Lugano con delle squadre UIT e USAR (Unità d’Intervento Tecniche e Urban Search and Rescue) specializzate nel soccorso in macerie hanno percorso l’intero tratto coinvolto dallo smottamento per valutare l’eventuale coinvolgimento di persone e avere una visIone d’assieme dell’accaduto.

A causa dello smottamento una condotta dell’acqua si è danneggiata. L’acqua che fuoriusciva in modo abbondante percorreva il tratto danneggiato trascinando a valle diverso materiale e rendendo instabile il terreno.

Sul luogo è stato fatto giungere un geologo per valutare la stabilità del tratto interessato.

Nessuna persona è stata ritrovata e al momento non vi sono elementi che possono far pensare al coinvolgimento di persone.

L’afflusso di acqua è stato interrotto dai servizi tecnici.

Sul luogo è stato costituito uno SMEPI (Stato Maggiore enti di Primo Intervento) composto da:
- Polizia Cantonale
- Polizia città di Lugano
- Pompieri di Lugano
- Croce Verde Lugano
- Servizi tecnici della città di Lugano
- Servizi tecnici del Cantone
- Geologo

Dopo la ricognizione del geologo e dei pompieri si è potuto appurare che il terreno si era stabilizzato e non vi era più pericolo di nuovi smottamenti.

Grazie a queste informazioni i servizi tecnici hanno potuto iniziare i lavori DI sgombero della Via Torricelli.

Attualmente la via Torricelli è normalmente praticabile, mentre la via Tesserete resta chiusa alla circolazione veicolare fino a nuovo avviso.

Nella fase acuta sul luogo erano presenti una cinquantina di soccorritori, con l’evolvere della situazione il dispositivo è stato di volta in volta proporzionato alle necessità.

Si fa rilevare che ne la casa anziani ne il Cardiocentro sono stati interessati dal materiale franato, le due strutture non sono mai state in pericolo e nessun ospite o degente è stato evacuato.

Intervento congiunto pompieri Elvetici e forze d'intervento Italiane per un incendio boschivo13 Dicembre 2015 16:42

Venerdì notte un incendio boschivo si è sviluppato in Val Cavargna (I).

Sabato mattina i pompieri di Lugano sono stati informati che l’incendio si stava spingendo verso il confine elvetico.

Un nucleo di ricognizione composto da alcuni militi dela Centro di soccorso di Lugano, si è portato in vetta alla capanna del San Lucio per valutare la situazione. Sul luogo ha incontrato i colleghi italiani che stavano lottando contro l’incendio da diverse ore.

L’incendio, estremamente violento si muoveva velocemente verso il monte Gazzirola e il Monte Segor, minacciando di entrare in territorio elvetico.

Vista l’evoluzione si è deciso di unire le forze e suddividere i fronti di intervento: i colleghi italiani si occupavano di bloccare la propagazione dell’incendio sui lati, mentre i pompieri Svizzeri di occupavano di bloccare la propagazione verso la vetta, in direzione dela Svizzera.

Il fuoco ha superato il confine per diverse centinaia di metri sia verso il Monte Gazzirola che verso il monte Segor.

Dalla parte Italiana hanno lavorato due elicotteri e oltre una ventina di volontari facenti parte delle diverse organizzazioni della regione, dalla parte Elvetica hanno lavorato due elicotteri e una quindicina di pompieri dei Corpi pompieri di Lugano, Monteceneri e Capriasca.

L’avanzata dell’incendio è stata bloccata verso le ore 15:30 circa, mentre le operazioni di bonifica sono proseguite fino a sera.

Per bloccare l’incendio si è lavorato con lanci di elicottero, lotta diretta sul terreno e linee controfuoco.

Questa mattina sia i colleghi Italiani che quelli Svizzeri hanno sorvolato la zona per assicurarsi che l’incendio era estinto e non vi fosse più pericolo di riaccensioni.

L’incendio ha bruciato oltre 1.80 km2 fra bosco e pascolo.

Il tempo estremamente secco favorisce la propagazione degli incendi boschivi. Si invita la popolazione a prestare particolare attenzione e a segnalare immediatamente ogni situazione dubbia.

Incendio palazzo Lugano Centro19 Settembre 2015 11:10

Questa notte alla una circa il gruppo di picchetto del Corpo civici pompieri di Lugano è stato mobilitato per l’entrata in funzione di un impianto automatico di rilevamento incendi, attivatosi in un Palazzo situato in Piazza Dante a Lugano.

La squadra giunta sul posto in qualche minuto ha subito notato del denso fumo nero fuoriuscire dallo scantinato.
.
L’edificio è composto da cinque piani fuori terra e da tre piani interrati (sotterraneo).

Visto l’importante sviluppo di fumo è stato subito richiesto l’intervento di un gruppo di supporto con ulteriori mezzi specialistici.

La squadre che sono entrate negli scantinati hanno potuto muoversi nel fumo unicamente con gli apparecchi per la protezione della respirazione orientandosi con delle camere termiche, le quali permettono di avere una certa visione anche attraverso il denso fumo nero.

Sono stati impiegati diverse decine di minuti per identificare il locale da dove si è sviluppato l’incendio.

A bruciare è stato un gruppo di continuità (UPS).
Il denso fumo ha invaso completamente i piani interrati dell’edificio.

Le squadre intervenute hanno dovuto approntare un dispositivo molto complesso che ha permesso l’evacuazione dei fumi da tutto l’edificio, posizionando in punti strategici diversi ventilatori.

L’incendio è stato messo sotto controllo in circa 60 minuti, mentre le operazioni di vuotatura dei locali dal fumo sono durati fino a questa mattina.
La Polizia ha avvito le procedure del caso atte a stabilire l’esatta dinamica dell’accaduto.

Sul luogo i pompieri di Lugano erano presenti con due squadre complete d’intervento (16 uomini e 8 veicoli).

La Polizia città di Lugano era presente sul luogo e ha collaborato nella messa in sicurezza della zona e nella gestione del traffico stradale.

Intenso fine settimana per i pompieri di Lugano26 Luglio 2015 17:17

Da venerdì alle 08:00 fino a domenica sera alle 17:00 i pompieri di Lugano sono stati allarmati ben 24 volte.
La categoria di interventi sono così suddivisi:

6 incendi
1 inquinamento
1 salvataggio
4 aperture porta / ascensore
2 eventi naturali
6 disinfestazioni
3 allagamenti
1 diversi

Nel dettaglio:

Salvataggi:
Intervento effettuato dagli specialisti UIT (Unità d’Intervento Tecnica) in collaborazione con la Croce verde di Lugano, per l’evacuazione di una signora anziana colta da malore a Paradiso.
Il quadro clinico e la conformazione dell’edificio, hanno imposto un evacuazione con dei mezzi specifici e in una posizione specifica. L’evacuazione è stata effettuata utizzando l’autoscala, sulla quale è stata collegata una speciale barella chiamata Toboga.
Durante l’evacuazione la paziente è stata accompagnata da un soccorritore UIT sanitario della Croce Verde di Lugano.

Incendi:
Venerdì una vettura a preso fuoco a Cademario.
Sabato invece i pompieri sono stati allarmati in due momenti distinti per l’attivazione di allarmi automatici (risultati in seguito falsi allarmi), Sabato pomeriggio e domenica mattina alcune piante hanno preso fuoco a Lugano e a Breganzona.
Sabato sera invece si è verificato un principio di incendio a bordo di un imbarcazione nel lago di Lugano; per quest’ultimo incendio l’intervento è stato svolto in collaborazione con la Crove Verde di Lugano e la Polizia lacuale.

Inquinamento:
Inquinamento causato da un difetto tecnico su una vettura che transitava in autostrada da Lugano in direzione di Monteceneri.

Aperture porte / ascensori:
Tre interventi causati dalla dimenticanza da parte dei proprietari delle chiavi e uno per dei ragazzi rimasti bloccati per un difetto tecnico in un ascensore pubblico a Lugano.

Eventi naturali (vento):
Un taglio pianta effettuato sabato notte per liberare una strada a Montagnola e un sopralluogo per dei pezzi di un tetto pericolanti venerdì sera a Lugano.

Disinfestazioni:
Rimozioni di nidi di imenotteri.

Allagamenti:
Tre allagamenti ad edifici causati dal temporale di venerdì notte.

Diversi:
Recupero di una sedia a rotelle elettrica caduta nel lago di Lugano, questo intervento è stato svolto in collaborazione con la Polizia città di Lugano e la Polizia lacuale.

Copyright CORPO POMPIERI LUGANO
Via Trevano 127 – 6900 Lugano
Tel. 058/866.81.50 – Urgenze 118

Servizio curato da Rescue Media.
www.localnews.ch