Pubblicato il: September 25, 2013 16:51

La Casa per Anziani Alto Vedeggio festeggia i 25 anni di attività.

Era il 25 aprile 1988 quando il Consorzio Intercomunale Casa per Anziani Alto Vedeggio accolse i primi residenti. Quest’anno si celebra il 25mo di attività e per l’occasione è stata organizzato un momento di festa che avrà luogo venerdì 27 settembre a partire dalle ore 16:00 e vedrà come ospiti diverse autorità Comunali del Consorzio, il consigliere di Stato e Direttore del Dipartimento Sanità e Socialità Paolo Beltraminelli, il vescovo Mons. Pier Giacomo Grampa ed il Presidente della Delegazione Consortile signor Aurelio Scarpella. Il programma prevede tra le ore 1600 e le 1830 la visita libera alla mostra fotografica, un intrattenimento musicale ed una rappresentazione della Fondazione Theodora con la Clown Therapy. La parte ufficale con i discorsi delle autorità avverrà verso le ore 1700 ed in seguito sarà offerto un rinfresco. Il Consorzio Intercomunale Alto Vedeggio Casa per Anziani è da sempre molto sensibile ai mutamenti, cogliendo nel corso degli anni le nuove sfide con lungimiranza, come avvenuto per l’ampliamento passando da 58 posti a 72, con la realizzazione del reparto protetto e con il giardino terapeutico che ha aperto i battenti nella primavera del 2010. L’obiettivo è di proseguire rispondendo alle esigenze del territorio in modo puntuale assicurando un offerta di servizi mirata, tenendo conto della futura pianificazione cantonale La casa per anziani Alto Vedeggio diretta da Stevens Crameri dispone di 72 posti letti e impiega 95 collaboratori, la struttura è medicalizzata, la direzione amministrativa e sanitaria hanno diversi progetti in corso iniziati qualche anno orsono, in particolare con l’introduzione e l’ampliamento di terapie non farmacologiche che stanno riscontrando degli effetti positivi sui residenti e sui collaboratori che possono seguire nuove formazione e acquisire nuove conoscenze e competenze professionali.