Pubblicato il: March 17, 2020 11:47

Morcote: una task force per mitigare gli effetti del coronavirus

Il Municipio di Morcote istituisce una cellula di crisi composta dal Sindaco e altri due membri tecnici per fronteggiare al meglio la difficile situazione che tutta la popolazione sta vivendo e purtroppo vivrà per le prossime settimane, che gestirà anche il gruppo dei volontari cittadini. Il Municipio si riorganizza al contempo al proprio interno. La cellula di crisi agirà autonomamente nell’attuare le disposizioni di principio decise dal Municipio, il quale verrà costantemente tenuto informato. Attivata anche una hotline comunale.

Il Municipio di Morcote ha preso sul serio le raccomandazioni e le disposizioni ricevute sabato mattina dal Consiglio di Stato e dallo Stato Maggiore Cantonale di Condotta e, riunitosi in seduta straordinaria, domenica sera ha deciso, per garantire la salute dei cittadini e, al contempo, l’operatività dell’Esecutivo e dell’Amministrazione comunale, di suddividere in due ambiti la gestione ordinaria del Comune da quella straordinaria. Quella ordinaria rimane di competenza del Municipio, che però si è riorganizzato al suo interno. L’amministrazione generale ordinaria e l’assistenza ordinaria alla popolazione è stata affidata al vicesindaco Andrea Soldini. Al municipale Massimo Suter è stato assegnato il sostegno e il promovimento economico, settore che sarà particolarmente sollecitato in questo periodo. Alla municipale Rachele Massari, capo dicastero educazione, è stata aggiunta anche la responsabilità degli aspetti sociali in ambito scolastico. La gestione straordinaria dell’attività comunale dovuta all’epidemia in corso è per contro stata affidata a una cellula di crisi (task force coronavirus), costituita nella forma di una Commissione municipale ad hoc, alla quale sono stati demandati tutti i compiti operativi per la gestione della crisi, conformemente alle disposizioni prese dal Municipio. Alla cellula di crisi compete anche l’organizzazione e la gestione del servizio volontari. La cellula di crisi è composta dal Sindaco Nicola Brivio, in qualità di presidente e responsabile della condotta, della comunicazione e dei contatti con le Autorità superiori e la popolazione; Stefano Fedele, vicepresidente e responsabile dei contatti con i servizi di soccorso e di protezione della popolazione e dal dr. med. dentista Sandro Leoncini, responsabile sanitario. La cellula di crisi potrà avvalersi direttamente dei servizi dell’Amministrazione comunale e degli operai comunali, che rimangono a disposizione per eseguire mansioni ritenute prioritarie. Le decisioni urgenti saranno prese dal Sindaco, sentito il parere della cellula di crisi, conformemente all’art. 118 cpv. 3 LOC. La cellula di crisi si è subito riunita dopo la sua costituzione, domenica sera presso la sala Maspoli, dove è stato nel frattempo allestito l’unico punto d’incontro comunale con accresciute misure di sicurezza. Sono state prese immediate misure di sostegno alla popolazione, come l’attivazione di una hotline comunale che risponde al numero 079 131 98 45. Chiamando questo numero si possono ottenere rassicurazioni e risposte alle proprie legittime domande e dubbi, così come accedere al servizio dei volontari. Volontari che verranno accolti questa sera alle 18.30 dalla cellula di crisi per la loro “entrata in servizio”. A loro, che competerà il sostegno diretto alla popolazione in questo difficile periodo, verranno fornite le necessarie raccomandazioni e istruzioni affinché il servizio possa svolgersi in perfetta sicurezza, sia per i volontari che per le persone assistite. Una dettagliata informazione alla popolazione seguirà nei prossimi giorni.